Il progetto si occupa di favorire la coscienza che quello che comunemente viene definito cibo, aveva una vita.

Gli strumenti sono tanti tra incontri informativi sul tema da tutti i punti di vista (etico, ambientale, nutrizionale) e approfondimenti in cucina sull’alternativa vegetale alla sofferenza animale.

Sensibilizzare alla curiosità verso il mondo vegetale per le infinite possibilità offerte a tavola, alla biodiversità rurale e naturale del territorio e a pratiche colturali più sostenibili è la strada percorsa verso la liberazione animale.